Post

IL KUNG-FU

Immagine
Il Kung-Fu è un alternativa del Karate, un qualcosa di completamente nuovo rispetto a ciò di cui abbiamo parlato negli articoli precedenti. Da un punto di vista generale, quest'arte marziale racchiude quelle che sono tutte le Arti Marziali cinesi tradizionali e per questo motivo la parola kung-fu è una parola piuttosto generica ; letteralmente è un'esercizio seguito con abilità. Diciamo che i cinesi spesso usano altre parole o soprattutto altri nomi per indicarla in un nome del tutto diverso : Boxe Cinese , Arte Marziale , Arte Nazionale e inoltre da un pó di tempo le arti marziali cinesi sono state suddivise in 2 grandi gruppi : Wai Chia , Nei Chia. Bisogna dire che la suddivisione tra stili interni ed esterni è del tutto errata tanto che non esistono stili esclusivamente più "duri" e stili esclusivamente morbidi dal momento che per saper essere efficaci bisogna raggiungere ed unire sia il morbido sia il duro.

• il saluto è la manifestazione esteriore del rispetto …

LE TECNICHE DEL KARATE

Immagine
Oggi vi parlerò di un elemento essenziale del karate : le tecniche. Le tecniche del Karate consistono in parate, pugni, calci e colpi effettuati con altre parti del corpo; è fondamentale però avere anche ben chiaro il concetto di distanza e l'importanza di praticare karate. Tuttavia nella pratica del karate tradizionale esistono anche tecniche di proiezione,  strangolamenti ed immobilizzazioni che un marzialista deve conoscere e queste tecniche sono spesso insegnate piuttosto avanti nella pratica del karate e che quindi risultano totalmente sconosciute al neofita che magari quando svolge un kata non capisce cosa sta facendo e non sa che in realtà è una leva o una proiezione o altro. Ricordiamo che tutte queste tecniche qui di seguito (o quasi tutte) possono essere eseguite jodan o chudan o gedan (alte o medie o basse) e ovviamente anche migi o hidari (destra o sinistra).Le tecniche del Karate sono abbastanza complesse ma allo stesso tempo se fatte con la giusta mentalità portano a…

IL TAEKWONDO

Immagine
In questo nuovo articolo vorrei parlarvi di una variante del Karate il TAEKWONDO. Questo sport nasce in Corea del Sud più precisamente intorno a quelli che furono gli anni del 1940 e 1950 ed era ma soprattutto è basato sull'uso dei Calci. Innanzitutto combina tecniche di combattimento volte alla difesa personale ma anche come esercizio di meditazione.
Intorno al 1989 divenne l'arte marziale più praticata in tutto il mondo. Dunque la storia del taekwondo viene ricondotta a due filoni separati, quello delle arti marziali coreane tradizionali ed autoctone e quello delle arti marziali giapponesi importate nel XX secolo dopo l'occupazione antecedente alla prima guerra mondiale. sistono due correnti principali nello sviluppo del taekwondo, non necessariamente mutualmente esclusivi: IL Taekwondo tradizionale è il termine che si riferisce tipicamente all'arte marziale così come fu codificata fin dagli anni '50 nelle Forze Armate della Repubblica di Corea ed in varie organi…

PAROLE DEL KARATE

Il Karate può essere insidioso.Specialmente quando usiamo parole giapponesi. Dopo molti anni di pratica (ma questo vale anche dopo pochi…) diamo per scontati i significati di molti dei termini giapponesi che usiamo più di frequente senza però averli capiti completamente. Tuttavia non capendo la terminologia del Karate, non è possibile impararlo o insegnarlo al meglio. Vediamo qui di seguito le 10 parole giapponesi che molti pensano di conoscere ma in realtà non sono ben chiare. Eccole: #1: UkeInterpretazione sbagliata:“Bloccare.” Significato reale:“Ricevere.” Spiegazione: La parola “uke deriva dal verbo giapponese “ukeru”, che significa “ricevere”. Ma per qualche ragione il mondo Occidentale la interpreta frequentemente come “bloccare”. Ritengo che questa cattiva interpretazione sia deleteria per un progresso a livelli più alti e non rifletta l’intento originale delle tecniche di difesa del Karate. Spostate la vostra impostazione mentale da “bloccare” a “ricevere”. La vostra intera perce…

KARATE ALLE OLIMPIADI?

Immagine
Mi è stato chiesto che cosa penso del karate alle Olimpiadi del 2020…
Da una parte mi congratulo con tutti quelli che vedono il karate solo come uno sport, perché hanno vinto una disputa che durava da decenni.
Dall’altra parte mi dispiace, perché penso che il termine karate verrà utilizzato per identificare una disciplina molto lontana dal bagaglio tecnico e culturale che il karate possiede.Inoltre, ritengo che dal punto di vista sportivo sarebbe stato più corretto inserire nei giochi olimpici una disciplina di combattimento che faccia uso degli arti superiori e inferiori, dandole un nome generico e unico, con un regolamento internazionale condiviso. In fondo, se si guarda solo l’aspetto sportivo, il karate, il taekwondo, il kung fu, il viet vo dao ecc., non sono altro che metodi di allenamento, mentre se si parla di Arti Marziali, ognuna di esse presenta aspetti molto profondi che rispecchiano culture ed esperienze secolari, le quali corrono il rischio di andare perse per seguire lo…

BUNKAI KATA

Immagine
Bunkai letteralmente significa "smontare" ed indica lo studio per l'applicazione pratica delle tecniche contenute nei kata. Lo studio di esse permette di estrapolare dai kata efficaci tecniche di difesa, molto spesso proiezioni, tecniche combinate, leve articolari e spazzate che sono nascoste magari all'interno di una tecnica di pugno o parata. Lo studio dei Bunkai Kata è uno dei più complessi dell'arte poiché richiede una chiave di lettura che si deve dedurre dallo stile del fondatore. È altresì uno degli argomenti più delicati per i teorici e gli studiosi dell'arte marziale poiché non possediamo documenti scritti sulla pratica del bunkai sebbene essa sia importantissima per la comprensione del karate. Da ricordare, inoltre, come le tecniche dei kata derivino da tecniche di combattimento codificate e non il contrario. Ciò significa che le tecniche contenute nelle forme sono funzionali e non mera tradizione scolastica.
                                        …

REGOLE DEL COMBATTIMENTO

Immagine
KARATE - REGOLAMENTO COMPETIZIONI KUMITE (FIJLKAM)Area di gara L'area di gara per le competizioni di kumite è costituita da un quadrato coperto di tappeti (tatami ) con lati di 8 metri (misurati dall'esterno) e con 2 metri aggiuntivi su ogni lato come area di sicurezza.
A 2 metri dal centro del quadrato è segnata una linea per posizionare l'arbitro. I contendenti sono invece posizionati su due linee a 1,5 metri dal centro dell'area e perpendicolari a quella dell'arbitro.
I giudici siedono nell'area di sicurezza , uno di fronte all'arbitro e uno dietro ciascun contendente, 3 giudici in tutto.
Ogni giudice tiene una bandierina rossa (aka ) nella mano destra e una blu (aho ) nella sinistra.
Il colore dei tappeti perimetrali del quadrato deve essere diverso rispetto a quello dei tappeti interni (solitamente perimetro rosso e area verde, ma anche perimetro blu e area rossa, ecc.) Abbigliamento ufficiale Gli arbitri devono indossare l'uniforme ufficiale stabilita…